giovedì 22 marzo 2012

ABOCA DOLCE SOLLIEVO PER IL NOSTRO INTESTINO

Oltre alle mie meravigliose pastiglie che divoro quotidianamente e che tengono a freno la mia patologia di base, fino a quasi un anno fà avevo anche grossi problemi intestinali, non c'era verso di far funzionare in modo corretto il mio intestino e così rimanendo sempre fedele al marchio Aboca, ho conosciuto, apprezzato e provato anche questo prodotto, sto infatti parlando di:

ABOCA DOLCE SOLLIEVO

Una formulazione molto diversa da quelle che avevo comprato ed assunto, per far funzionare il mio piccolo orologino intestinale. Premetto che è un prodotto tutto al naturale al 100% e non è poco, permettetemi di aggiungere.

Dolce Sollievo è un prodotto studiato Marchio Aboca per favorire il transito intestinale quando l'apporto quotidiano di fibra ed acqua non è abbastanza e soprattutto in tutti quei casi in cui il nostro intestino è sicuramente molto pigro e deve essere naturalmente trattato in modo molto delicato. Grazie alla sua speciale formulazione bifasica è stata creata associando l'azione emoliente dell'olio di mandorle dolci a quella osmotica di richiamo dell'acqua svolta dai succhi si frutta concentrati, che conferiscono sicuramente al prodotto in questione un gradevole sapore... Relativamente a questa ultima definizione gradevole sapore, insomma se potessi correggerla, per prima cosa darei 2 stelline e mezzo di valutazione e poi bisogna mandarla giu' in fretta, perchè funziona, insomma in tutta sincerità non posso affermare che ha un gusto propriamente gradevole, ma uso un vezzeggiativo se mi è possibile allora...'''gradevoluccio'''.

Somministrazione e modalità d'uso

Prima di bere il flaconcino, occorre agitare ben bene lo stesso, affinchè si possono ben mescolare i succhi di frutta e l'olio di mandarle che sono presenti. E' preferibile berlo, lontano dai pasti principali, va benissimo in qualsiasi momento della giornata, ma consigliano per migliori effetti durante la mattinata, confermo che soffrendo di memoria smemorina, mi è capitato di assumerlo anche in orari non molto consoni e il giorno dopo, ho avuto l'effetto sperato, comunque è sempre meglio seguire i consigli dati sia dal farmacista, che nei bugiardini presenti nelle confezioni. Il periodo di assunzione del prodotto che fà parte della famiglia degli integratori di piante officinali, ma che meglio si identifica sotto la voce lassativi, con tutto il rispetto per questa categoria di farmaci e non, è sicuramente molto variabile ed è diverso da persona a persona, in media da cinque a dieci giorni. Per apprezzare il gusto fruttato del prodotto, è consigliabile consumarlo leggermente freddo, magari riponendolo in frigor per qualche ora, oppure sempre grazie alla memoria smemorina, io dopo averne bevuto uno, mettevo in frigor subito il successivo per il giorno dopo. La confezione presente in commercio e da me acquistata in farmacia, è composta da ben 10 flaconcini di vetro da 12 grammi ogniuno, navigando in rete ho visto che si puo' acquistare anche on line, credo che sia facile reperirlo anche nelle para-farmacie, ma non garantisco.

Ma ora vediamo come si presenta la confezione

La confezione troneggiava sullo scaffale della farmacia, nel box che avevano dedicato ai prodotti Aboca, è una bella scatola bianca su cui è raffigurato un bel fiore delicato di un bel rosa con tanti pistilli, ma mi spiace ma non sono riuscita a carpire il nome, vi è raffigurata anche una bella mandorla, che è uno degli elementi principali di cui è composto il prodotto. La apro delicatamente ed ecco uscirne in fila per cinque, questi provetti soldatini ben raggruppati e pronti per essere consumati.

Stefy ma come sono questi soldatini

Ogni soldatino alias flaconcino è rigorosamente di vetro, che è qualitativamente parlando il materiale migliore in cui i prodotti possono essere conservati. E' dotato di una bella etichetta esaustiva, che racchiude in breve le caratteristiche del prodotto e riporta anche la data in cui deve essere consumato. Sono facili da aprire, c'è un bel tappo che una volta aperto invita il povero paziente a consumare il prodotto. Questi flaconcini sono ben riposti e conservati in questa scatolina, e vi assicuro che una volta consumati puo' tornare utile, mi figlia ci ha riposto dei pastelli a cera, formato gigante che non sapeva dove mettere visto che si era rotta la scatola. Come vedete noi ricicliamo tutti, a fronte di questo cari amici ricordatevi di riciclare anche il flaconcino, dopo aver consumato il prodotto, passatelo sotto l'acqua corrente per sciacquarlo e buttarlo nel vetro per la raccolta differenziata. Stefany story Come tutti i lassativi da me provati esiste anche la Stefy story: 1) Il prodotto funziona egreggiamente, parola di scout..l'intestino di svuota perfettamente. 2) Esiste anche un pero'..sicuramente è un dolce sollievo, ma quando partono i mal di pancia (alias il prodotto incomincia a funzionare, solitamente il giorno successivo all'assunzione) io devo correre, partono leggeri crampi e poi..via come il vento... 3) Naturalmente finita la scatola, che contiene appunto 10 flaconcini, il mio intestino continua a collaborare ancora per qualche giorno, ma poi ritorna in off... Non assumo piu' di una scatola al mese, anche sul consiglio del mio dolce farmacista, sempre perchè si ripercuore l'assunzione sul farmaco per la coagulazione e poi via si ricomincia. Attualmente questo prodotto viene usato con minor effetti collaterali da mia sorella, la mamma del nipotino Rock, che oggi ha fatto 1 mese...bello dalla zia, perchè dopo il parto ha avuto un pochetto di problemi con l'intestino che ha deciso di diventare pigro. Così l'ho ripescato dal mio cilindro magico ed gliel'ho presentato. Buona lettura e ricordatevi sempre con l'intestino libero si sta sicuramente meglio e il nostro corpo risponde meglio.

2 commenti:

Laura ha detto...

Ahahah, bellissimo... via come il vento :D

Franca ha detto...

Ho seguito il tuo consiglio per Eurisko e mi sono trovata bene, credo seguirò anche quest'altro:-) anche il mio intestino ogni tanto dice GAME OVER :-)